Uiltrasporti

TRASPORTO AEREO - PERSONALE DI TERRA



ALITALIA : giudizio negativo sul piano industriale. 5 aprile sciopero di tutti i dipendenti. Comunicato congiunto

A seguire ed in allegato il testo del comunicato unitario dei Dipartimenti nazionali.

 

ALITALIA: GIUDIZIO NEGATIVO SUL PIANO INDUSTRIALE SCIOPERO DI TUTTI I DIPENDENTI IL 5 APRILE P.V.

Roma, 17 marzo 2017

Si è tenuto in data odierna l’incontro tra i vertici di Alitalia, rappresentata al tavolo dall’attuale a.d. Cramer Ball e dal futuro Presidente con deleghe operative Luigi  Gubitosi, e le scriventi Organizzazioni Sindacali. All’ordine del giorno la presentazione al Sindacato del Piano Industriale della Compagnia.

Il management ha illustrato il progetto predisposto dall’ a.d. e già presentato nella giornata di ieri al Governo il quale, non convinto, si è riservato una valutazione più approfondita. In sintesi il progetto industriale prevede l’uscita di 20 macchine di medio raggio e la promessa di ingresso in flotta di  8 aeromobili di lungo raggio entro il 2021 dei quali uno all’anno dal 2017 al 2019,  4  aeromobili nel 2020 ed uno nel 2021.

A fronte del nuovo assetto di flotta, del nuovo network, della densificazione dei posti a bordo, della revisione del servizio di bordo, delle vendite di servizi ancillari, degli investimenti nella tecnologia e-commerce di vendita e degli efficientamenti dei processi produttivi il management ha previsto un aumento dei ricavi pari al 57% nell’arco di piano nonostante il calo degli aeromobili ed il perdurare delle condizioni di estrema competizione sul mercato domestico ed internazionale determinato, in gran parte, dai vettori low-cost.

A fronte di tale progetto l’azienda ed i suoi numerosi advisor hanno previsto 2037 esuberi tra il personale di terra, con in sospeso circa 400 unità tra il personale navigante la cui gestione sarà connessa alla scadenza della Solidarietà difensiva.  Sul fronte del rinnovo del Contratto Collettivo di Lavoro, in aggiunta alle richieste già avanzate nei precedenti incontri circa la produttività e l’organizzazione del lavoro, Alitalia ha inserito una richiesta di decurtazione delle retribuzioni per il Personale Navigante pari al 28% per il PNT medio raggio, 22% per il PNT lungo raggio e 32% per la categoria Assistenti di Volo.

Le scriventi Organizzazioni Sindacali hanno espresso un giudizio FORTEMENTE NEGATIVO sul piano presentato, ritenendone poco credibili gli assunti industriali in materia di aumento dei ricavi e, contestualmente, giudicando INACCETTABILI ED IRRICEVIBILI le ricadute sul fattore lavoro sia in termini di esuberi che di tagli retributivi.

Abbiamo invitato i vertici aziendali ad impegnarsi nell’aggredire gli sprechi ed i costi dei servizi e degli acquisti da terzi dei fattori della produzione ( leasin’g aeromobili, carburante, manutenzione, sabre, etc etc ) in quanto il costo del lavoro NON COSTITUISCE ASSOLUTAMENTE un elemento rilevante tra le cause del fallimento dell’azione di gestione posta in essere dall’attuale management.

ABBIAMO QUINDI RIGETTATO LE RICHIESTE AZIENDALI PREVISTE DAL PIANO INDUSTRIALE, PROCLAMANDO CONTESTUALMENTE 24 ORE DI SCIOPERO DI TUTTI I DIPENDENTI DEL GRUPPO ALITALIA PER IL GIORNO  5 APRILE 2017 PER MANIFESTARE IL NOSTRO FORTE NO A QUESTO PROGETTO ED A QUESTO MANAGEMENT.

ABBIAMO INOLTRE CHIESTO L’IMMEDIATO INTERVENTO DEL GOVERNO IN CONSIDERAZIONE DELLA STRATEGICITA’ DI ALITALIA  PER L’ECONOMIA DEL PAESE  ED IN QUALITA’ DI GARANTE. I MINISTRI DELRIO, POLETTI E CALENDA HANNO CONVOCATO LE PARTI PER LUNEDI’ 20 MARZO 2017

DIPARTIMENTI NAZIONALI TRASPORTO AEREO

FILT CGIL – FITCISL - UILTRASPORTI - UGL TRASPORTO AEREO

UILTRASPORTI - Viale del Policlinico, 131 - 00161 Roma - Tel. 06 862671 - Fax 06 86207747
C.F. 80403560586