Uiltrasporti



Salvatore Ottonelli (UILT) “Il diritto alla Mobilità in Costituzione. Indubbiamente una bella trovata ma per chi, per cosa?”

17/07/2014 | Comunicati Stampa

Il Segretario nazionale alla mobilità della Uiltrasporti Salvatore Ottonelli in una nota commenta la notizia di ieri sull’introduzione del diritto alla mobilità in Costituzione come quello all’istruzione e alla salute - “Il tema è stato introdotto alcuni anni fa per costruire la legislazione ordinaria dell’esercizio di sciopero. Il risultato è stato la compressione del diritto di sciopero per i lavoratori e la licenza alle aziende di poter deregolamentare sistematicamente ed impunemente. Ora lo si invoca per i servizi al cittadino”

Il segretario uiltrasporti  continua – “Quante volte dovrà essere manipolato il diritto Mobilità perché sia efficacemente sostenuto da politiche di equilibrio ambientale, di complementarietà fra vettori, di efficienza di risposta alla domanda dei cittadini. Non sarà che riutilizzando l’alibi della Costituzione ci si avvia ad una nuova stagione di tagli, razionalità, scarico sui cittadini?

Nella nota Ottonelli conclude – “Lasciamo perdere gli slogan e ipotizziamo vere politiche di sviluppo dei trasporti sia delle persone che delle merci. Esattamente il contrario dell’aumento della tariffa energia elettrica che, proposta dal Governo in carico, incentiva chiusure di attività, mette in crisi le aziende e precarizza quando non distrugge posti di lavoro. Delocalizziamo anche i trasporti? O li mettiamo in Costituzione?”

UILTRASPORTI - Viale del Policlinico, 131 - 00161 Roma - Tel. 06 862671 - Fax 06 86207747
C.F. 80403560586