Uiltrasporti



Autostrade: Sindacati, nella discussione su concessioni è assente il lavoro. Mit ci convochi

16/01/2019 | Comunicati Stampa
Roma 15 gennaio - “Un incontro urgente sulle concessioni autostradali”. Lo chiedono unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Sla Cisal e Ugl Viabilità e Trasporti al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti,
spiegando che “nella discussione in atto sulle concessioni autostradali c’è la totale assenza del fattore lavoro, nonostante le migliaia di lavoratrici e lavoratori che operano quotidianamente nelle società concessionarie e nelle aziende dell’indotto”.
“E’ inoltre - aggiungono le organizzazioni sindacali - opportuno riprendere una discussione seria rispetto agli standard qualitativi e di sicurezza garantiti attualmente all’utenza da parte delle società concessionarie, compresa la garanzia di un presidio fisico permanente H24 in tutti i caselli autostradali della rete, a fronte delle politiche tariffarie in atto”.
“Da parte nostra, al di là degli annunci, - proseguono Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Sla Cisal e Ugl Viabilità e Trasporti - ribadiamo la necessità di effettuare una discussione seria circa le ricadute che eventuali determinazioni, in materia di assetto e condizioni di assegnazione delle concessioni, potrebbero avere sulla forza lavoro del settore. Ci riferiamo in particolare alle garanzie di carattere occupazionale necessarie a fronte di eventuali subentri nelle stesse concessioni, ma anche in riferimento alle maestranze delle aziende appaltatrici”.
“Infine - evidenziano le organizzazioni sindacali - va detto chiaramente che eventuali ipotesi relative al superamento dell’attuale sistema di riscossione dei pedaggi con la rimozione dei caselli autostradali, oltre a determinare notevoli problemi di sicurezza e controllo del territorio, comporterebbe alcune migliaia di esuberi tra gli addetti del settore”.
 
Per scaricare la lettera unitaria delle Segreterie nazionali, clicca QUI
 
Foto di copertina tratta da ildenaro.it
UILTRASPORTI - Viale del Policlinico, 131 - 00161 Roma - Tel. 06 862671 - Fax 06 86207747
C.F. 80403560586