RIPARTIRE DAL BUON LAVORO
PER RICOSTRUIRE IL PAESE

Mobility package, Uiltrasporti: resta molto alta l’attenzione

Mobility package, Uiltrasporti: resta molto alta l’attenzione

Roma, 11 gennaio. “Grazie alle sollecitazioni e alla grande mobilitazione dei sindacati dei lavoratori in Italia come negli altri Paesi dell’Unione, coordinati dall’ETF Transport, per il momento ha prevalso tra i parlamentari la tutela sociale della Ue, che è quella che vorremmo fosse messa sempre al primo posto in Europa” a dichiararlo Claudio Tarlazzi, Segretario generale, e Marco Odone, Segretario nazionale della Uiltrasporti, commentando il voto espresso ieri dalla Commissione Trasporti del Parlamento europeo sul Mobility Package autotrasporto merci, su cui i Ministri dei Trasporti a dicembre scorso avevano trovato un compromesso non sufficiente per Uiltrasporti, che ha respinto la modifica peggiorativa sui tempi di lavoro, la possibilità del riposo a bordo e l’allineamento del salario agli standard del Paese in cui il lavoratore opera.
“Questa non è una vittoria – proseguono i due Segretari della Uiltrasporti – ma solo un primo risultato parziale seppur positivo. Ora il Parlamento europeo potrebbe dover votare in plenaria il pilastro approvato ieri in Commissione, ma ci aspettiamo emendamenti peggiorativi. Per questa ragione è più che mai importante il prossimo sciopero del 14 gennaio di tutto il settore dell’autotrasporto merci”.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email