Uiltrasporti


Monday, 18 March 2019 09:45

Air France Klm: continua il confronto

Continua il confronto tra organizzaziioni sindacali e aziende sulla procedura di licenziamento aperta dalle due aziende. Dopo aver deciso congiuntamene di prorogare la fase sindacale, la discussione sarà proseguita il 25 marzo. 
E' stato aggiornato al 14 marzo il prossimo incontro, per il quale le Organizzazioni sindacali hanno chiesto all'Azienda di fare ulteriori approfondimenti per abbassare ancor di più il numero degli esuberi.
Per scaricare il comunicato unitario ai lavoratori, clicca QUI
Per scaricare il verbale di incontro KLM, clicca QUI
Per scaricare il verbale di incontro Air France, clicca QUI

Foto tratta da concourse.gogoair.com

 

Roma, 8 febbraio. “Se dovesse corrispondere al vero la decisione di Air France di sfilarsi dal progetto di rilancio di Alitalia per motivi politico – istituzionali, si determinerebbe uno scenario molto critico, che ridurrebbe pericolosamente la rosa dei potenziali partner industriali per il rilancio e lo sviluppo della Compagnia di Bandiera”. Ad affermarlo il Segretario generale della Uiltrasporti, Claudio Tarlazzi, sulle notizie diffuse dal Sole 24 Ore.
“La nostra aspettativa riguardo l’incontro con il Vice Premier, Di Maio, fissato al Mise il prossimo 14 febbraio – prosegue Tarlazzi - è che ci venga detta la verità su quanto fatto sino ad ora da chi ne ha la responsabilità, e su quanto si sta facendo per la piena valorizzazione delle potenzialità della Compagnia, così ben evidenziate in questi 21 mesi di commissariamento”.
“Come sindacato vogliamo essere coinvolti adesso e nella determinazione del Piano Industriale, che non dovrà prevedere ridimensionamenti, né in termini di organici né di perimetro industriale”.
“Al Governo chiediamo di essere responsabile e di non pensare solo alle elezioni europee, perché per poter agire concretamente e ripartire in modo strutturale in crescita economica, sociale e occupazionale, il Paese non deve essere isolato”.
 
Foto di copertina tratta da indipendent.co.uk
Roma, 8 febbraio. “Se dovesse corrispondere al vero la decisione di Air France di sfilarsi dal progetto di rilancio di Alitalia per motivi politico – istituzionali, si determinerebbe uno scenario molto critico, che ridurrebbe pericolosamente la rosa dei potenziali partner industriali per il rilancio e lo sviluppo della Compagnia di Bandiera”. Ad affermarlo il Segretario generale della Uiltrasporti, Claudio Tarlazzi, sulle notizie diffuse dal Sole 24 Ore.
“La nostra aspettativa riguardo l’incontro con il Vice Premier, Di Maio, fissato al Mise il prossimo 14 febbraio – prosegue Tarlazzi - è che ci venga detta la verità su quanto fatto sino ad ora da chi ne ha la responsabilità, e su quanto si sta facendo per la piena valorizzazione delle potenzialità della Compagnia, così ben evidenziate in questi 21 mesi di commissariamento”.
“Come sindacato vogliamo essere coinvolti adesso e nella determinazione del Piano Industriale, che non dovrà prevedere ridimensionamenti, né in termini di organici né di perimetro industriale”.
“Al Governo chiediamo di essere responsabile e di non pensare solo alle elezioni europee, perché per poter agire concretamente e ripartire in modo strutturale in crescita economica, sociale e occupazionale, il Paese non deve essere isolato”.
 
Foto di copertina tratta da indipendent.co.uk
Roma, 8 febbraio. “Se dovesse corrispondere al vero la decisione di Air France di sfilarsi dal progetto di rilancio di Alitalia per motivi politico – istituzionali, si determinerebbe uno scenario molto critico, che ridurrebbe pericolosamente la rosa dei potenziali partner industriali per il rilancio e lo sviluppo della Compagnia di Bandiera”. Ad affermarlo il Segretario generale della Uiltrasporti, Claudio Tarlazzi, sulle notizie diffuse dal Sole 24 Ore.
“La nostra aspettativa riguardo l’incontro con il Vice Premier, Di Maio, fissato al Mise il prossimo 14 febbraio – prosegue Tarlazzi - è che ci venga detta la verità su quanto fatto sino ad ora da chi ne ha la responsabilità, e su quanto si sta facendo per la piena valorizzazione delle potenzialità della Compagnia, così ben evidenziate in questi 21 mesi di commissariamento”.
“Come sindacato vogliamo essere coinvolti adesso e nella determinazione del Piano Industriale, che non dovrà prevedere ridimensionamenti, né in termini di organici né di perimetro industriale”.
“Al Governo chiediamo di essere responsabile e di non pensare solo alle elezioni europee, perché per poter agire concretamente e ripartire in modo strutturale in crescita economica, sociale e occupazionale, il Paese non deve essere isolato”.
 
Foto di copertina tratta da indipendent.co.uk
Roma, 8 febbraio. “Se dovesse corrispondere al vero la decisione di Air France di sfilarsi dal progetto di rilancio di Alitalia per motivi politico – istituzionali, si determinerebbe uno scenario molto critico, che ridurrebbe pericolosamente la rosa dei potenziali partner industriali per il rilancio e lo sviluppo della Compagnia di Bandiera”.
Published in Comunicati Stampa

Si è svolto  il primo incontro in ambito della procedura di licenziamento per 33 lavoratori aperta dalla Air France Klm. Si è convenuto di considerare la data del 29 gennaio come primo giorno per il decorso dell'esperimento della fase sindacale.Il prossimo incontro è stato fissato il 19 febbraio.

Nel'incontro di ieri, 16 gennaio, l'azienda ha esplicitato alle Organizzazioni Sindacali la volontà di aprire la procedura di licenziamento per 33 lavoratori basati in Italia, nonostante i risultati positivi del Gruppo. 
Per leggere il comunicato unitario ai lavoratori, clicca QUI
Dettagli dislocazione esuberi, clicca QUI
 
Foto di copertina tratta da wsj.com
Thursday, 06 December 2018 14:34

Air France: verifica lavoro agile

Si è svolto l'incontro di verifica dei primi 6 mesi del progetto sperimentale di lavoro agile avviato da Air France/Klm, che ha registrato esiti positivi. Prossimo incontro 8 gennaio 2019.
Per scaricare l'informativa Uiltrasporti dettagliata, clicca QUI
Foto di copertina: da corporate.airfrance.com
UILTRASPORTI - Viale del Policlinico, 131 - 00161 Roma - Tel. 06 862671 - Fax 06 86207747
C.F. 80403560586