Uiltrasporti


11/03/2014
 | Comunicati Stampa

Ieri sera a Napoli intorno alle 17.30 p.m. a seguito di una riunione per il rinnovo dei contratti di solidarietà relativi a 1200 lavoratori veniva aggredito il sindacalista Uiltrasporti Antonio Aiello, da un sedicente rappresentante sindacale di un’organizzazione autonoma.

In una nota – il Segretario generale Uiltrasporti Claudio Tarlazzi – E’ assolutamente da condannare e perseguire una tale aggressione, fomentata da atteggiamenti populisti, in un momento delicato del nostro Paese, che cercano di screditare l’operato di chi si impegna quotidianamente per la tutela dei lavoratori; riuscire a salvaguardare, oggi, i posti di lavoro è già un grande risultato”.

03/03/2014
 | Comunicati Stampa

 

l Segretario generale Uiltrasporti Claudio Tarlazzi ha dichiarato “La proroga di un ulteriore mese, fino al 31 marzo 2014, delle disposizioni dell’art. 1 comma 748 della legge di Stabilità 2014, pur giunta in extremis è risultata certamente un atto importante per dare corretta applicazione alla suddetta norma di legge e per riavviare il Tavolo Governativo, bruscamente e inspiegabilmente interrotto dal precedente Governo, annunciato ma non ancora convocato”.

24/02/2014
 | Comunicati Stampa

Il segretario generale Uiltrasporti Claudio Tarlazzi in una nota “Ci spiace dover rettificare la dichiarazione di stamane del Sottosegretario ai trasporti dott. Erasmo D’Angelis, credo, però, opportuno chiarire che noi siamo ancora in attesa di convocazione per confrontarci sulle tematiche della riforma del settore del Trasporto Pubblico Locale, illustrataci sommariamente nell'ultimo incontro del 16 gennaio 2014 ma non abbiamo ancora concertato nessuna riforma”.

24/02/2014
 | Comunicati Stampa

Riforma legislazione portuale – Tarlazzi, lettera al Ministro Lupi “Coinvolgere gli altri Ministeri competenti e la Presidenza del Consiglio, urgente trovare soluzione all’applicazione ai dipendenti delle Autorità Portuali di norme di contenimento della spesa riferite al pubblico impiego.”.

 Il Seg. Generale Claudio Tarlazzi in una lettera al Ministro Lupi “L’assetto della portualità, definito attraverso la legge 84/94, va contestualizzato ai mutamenti degli scenari in cui si confrontano gli scali nazionali e più in generale il sistema produttivo e distributivo italiano. Occorrono scelte che permettano di estendere la competitività di un porto oltre i propri confini geografici, potenziare le vocazioni specialistiche di ogni porto, e prevedere che le Autority diventino Autority di sistema in grado da un lato di attivare le risorse finanziarie necessarie per lo sviluppo di  infrastrutture portuali e il relativo sistema logistico e del trasporto, superando l’attuale frammentazione delle decisioni e favorire le necessarie concentrazioni su progetti di rilevanza internazionale”.

22/02/2014
 | Comunicati Stampa

Il Segretario Generale della Uiltrasporti in una nota “Positiva la riconferma del Ministro Maurizio Lupi alle Infrastrutture e ai Trasporti, dando continuità al lavoro già svolto, ci consente di proseguire i percorsi di riforma intrapresi nei vari settori del Trasporto”.

21/02/2014
 | Comunicati Stampa

Anche la Uiltrasporti lancia l’allarme per le normative del cabotaggio e delle somministrazioni transazionali che nel settore dell’autotrasporto stanno determinando alle imprese e ai lavoratori situazioni non più sostenibili.

“Serve con urgenza un intervento del prossimo Governo – afferma in una nota, il Segretario Generale Uiltrasporti - ma anche un’assunzione di responsabilità di tutta la Politica, affinché con urgenza si intervenga per individuare, sul piano della normativa europea ma ancor prima sul piano nazionale, gli interventi necessari per riallineare una competizione con i Paesi neocomunitari, pena la perdita totale di un altro pezzo importante dell’Economia di questo Paese”.

Continua nella nota Tarlazzi – “E’ fin troppo facile, infatti, sostituire i lavoratori italiani, utilizzando lavoratori, per lo più romeni e polacchi somministrati dalle Agenzie dei loro Paesi, il cui costo è inferiore al lavoratore italiano, poiché inferiori sono i loro costi sia sul piano fiscale, sia sul piano previdenziale determinando un dumping sociale all’interno dell’unione europea. Così come è altrettanto evidente quanto sia pericoloso, e già in parte praticato, delocalizzare aziende italiane di Trasporto in tali Paesi e continuare tramite il cabotaggio a lavorare in Italia, con enormi vantaggi sul piano dei costi”.

“Applicando in modo rigoroso le norme già esistenti in ambito europeo e nazionale, dunque, il lavoratore distaccato o somministrato in Italia deve ricevere un trattamento economico e normativo non inferiore a quello dei dipendenti dell’impresa che utilizza le sue prestazioni in Italia, a parità ovviamente di livello e mansioni”.

“Serve intervenire con urgenza – conclude il segretario generale UILT - considerando anche l’opportunità, mutuando quanto già avviene nel settore marittimo, di introdurre una normativa che fiscalizzi alcuni costi a carico delle imprese per ridurre il “gap” competitivo con i Paesi dell’est - Europa e per eliminare tali distorsioni nella concorrenza che rischiano di svuotare il settore dell’autotrasporto tanto per quanto riguarda l’impresa tanto per i lavoratori italiani”.

21/02/2014
 | Comunicati Stampa

Appalti di Pulizia nelle Scuole. Il governo non adempie agli impegni assunti con la Legge di Stabilità - Claudio Tarlazzi “A rischio il lavoro per 24mila lavoratori EX LSU e dei c.d. Appalti storici il Governo intervenga con estrema urgenza”

In una nota il Segretario Generale Uiltrasporti ha dichiarato “Il 28 febbraio p.v. scadono i termini per trovare una soluzione alla garanzia dei servizi di pulizia nelle scuole ed alla continuità occupazionale per i lavoratori EX LSU e dei c.d. Appalti storici. I lavoratori non possono aspettare che il Governo prenda pieni poteri perché nel frattempo stanno perdendo il posto di lavoro 24 mila lavoratori e lavoratrici”.

19/02/2014
 | Comunicati Stampa

 

 

Roma, 19 febbraio - Questa mattina è avvenuto l’ennesimo incidente mortale di un lavoratore portuale. L’incidente è avvenuto nel porto di Trieste e le cause sono ancora in fase di accertamento da parte degli Organi preposti.

Le Organizzazioni sindacali territoriali hanno proclamato lo sciopero immediato di 24 ore.

19/02/2014
 | Comunicati Stampa

Grave incidente nel porto di Trieste, morto un lavoratore. Il Segr. Gen. Uilt Claudio Tarlazzi “Questa ennesima tragedia deve indurre tutti ad una attenta riflessione sui rischi che quotidianamente si manifestano nelle attività portuali”.

 In una nota il Segretario Generale Uiltrasporti ha dichiarato ”Rivolgo il mio pensiero alla famiglia del lavoratore morto oggi nel porto di Trieste a seguito di un grave incidente. Questo tragico evento accentua l’attenzione sui rischi del lavoro portuale e ripropone con maggior forza la necessità di definire e rinnovare precisi protocolli per la sicurezza sul lavoro nei siti portuali”.

UILTRASPORTI - Viale del Policlinico, 131 - 00161 Roma - Tel. 06 862671 - Fax 06 86207747
C.F. 80403560586
e-mail: administrator@uiltrasporti.it